Jump to main content
Vota la meta del torneo

Quattro fine settimana ricchi di azione, l’emozione della Autumn Nations Cup ha prodotto una festa di mete spettacolari mentre otto squadre si sono sfidate per il titolo nel torneo.

L’Inghilterra è stata infine incoronata campione dopo un finale avvincente con la Francia a Twickenham, mettendo in scena una rimonta in extremis prima di vincere 22-19 ai supplementari.

Ma con la polvere depositata su un fine settimana delle finali che è stato più che all’altezza delle attese, è tempo che tu dica la tua su quale meta meriti di essere chiamata Try of the Tournament.

Abbiamo ridotto i contendenti a sole quattro mete, il superbo score di Matteo Minozzi contro la Scozia, il magico traguardo di Jonny May contro l’Irlanda, la falcata di Giorgi Kveseladze al terzo round e la meta di Mesulame Kunavula contro la Georgia. Solo una può prendersi l’onore e puoi fare la tua selezione in fondo a questa pagina, ma prima, ecco un promemoria di come apparivano le quattro mete in lizza.

Matteo Minozzi – ITALIA v Scozia

L’estremo italiano Matteo Minozzi si è aggiudicato il premio di Meta del Round dopo il weekend di apertura dopo aver terminato un’azione meravigliosamente elaborata dai trequarti azzurri contro la Scozia. Marco Zanon ha effettuato un primo break potente a Firenze, rimbalzando su un tackle, sperando un altro difensore e mantenendo vivo il gioco con un passaggio a Marcello Violi. Violi si è girato e ha lanciato la palla a Mattia Bellini, che in qualche modo ha prodotto un offload con una sola mano a Minozzi per farlo andare in angolo per una meta clamorosa.

Jonny May – INGHILTERRA v Irlanda

La seconda meta della doppietta di Jonny May nel primo tempo è già stata descritta da molti come una dell3 migliori marcature che Twickenham abbia mai visto – e meritatamente. L’azione è iniziata con una rimessa laterale dei visitatori, su cui Maro Itoje si è avventato prima che Ollie Lawrence e Henry Slade lavorassero per trovare May nei suoi 22. Da lì è seguita la magia. May è corso in avanti e ha superato Chris Farrell prima di accendere il gas e sfrecciare attraverso un buco nella difesa irlandese. Si è allontanato dall’inseguitore Bundee Aki, che si è lanciato alle calcagna senza successo, e ha calciato la palla in avanti nella metà campo dell’Irlanda prima di superare Jamison Gibson-Park. May ha raggiunto la palla e l’ha spinta in avanti ancora una volta prima di tuffarsi e puntare verso il basso, lasciando una scia di magliette verdi sulla sua scia per una delle migliori marcature che il quartier generale inglese abbia mai visto.

Google Ad – 300×250

Giorgi Kveseladze – GEORGIA v Irlanda

La Georgia ha finalmente segnato nella Autumn Nations Cup contro l’Irlanda e così facendo, i Lelos hanno consegnato una delle mete più belle del torneo a Dublino. I padroni di casa erano partiti alla grande grazie a Billy Burns che ha trasformato la propria meta e ha aggiunto un ulteriore calcio, ma la Georgia ha risposto ruggendo grazie al meraviglioso sforzo di Giorgi Kveseladze. Il centro ha raccolto il passaggio interno di Soso Matiashvili sulla linea di metà campo, percorso a tutta velocità prima di superare Jacob Stockdale, respingendo Burns, evitando potenziali placcatori e attraversando la linea di meta sotto i pali.

Mesulame Kunavula – FIJI v Georgia

Le Fiji potrebbero essere arrivate in ritardo alla festa, ma hanno sicuramente avuto un impatto sul fine settimana delle finali. L’isola del Pacifico ha segnato sei mete per sconfiggere la Georgia 38-24 in un’emozionante partita al BT Murrayfield, con Nemani Nadolo che ha marcato una tripletta nel suo ritorno nel rugby internazionale. Almeno due delle sue tre mete avrebbero potuto essere nominate, ma è il fantastico sforzo di Mesulame Kunavula al suo debutto che ha di poco battuto il suo compagno di squadra. La meta è stata l’epitome del rugby delle Fiji. Josua Tuisova ha ricevuto la palla a lato sulla destra, ha superato il suo primo uomo prima di affrontare tre giocatori della Georgia e scaricare a Kunavula, che ha eseguito una brillante linea interna per ricevere la palla e puntare verso la meta.

Previous Story Smith: Dobbiamo imparare dai nostri errori contro la Francia
Next Story Vota il tuo giocatore del torneo

More News

Vota la meta del torneo
Reading: 3 mins

Vota la meta del torneo

7th Dec 2020
Vota la meta del torneo
Reading: 3 mins

Vota il tuo giocatore del torneo

7th Dec 2020
Vota la meta del torneo
Reading: 2 mins

L’Inghilterra campione ai supplementari contro una grande Francia

6th Dec 2020